flowkey – Learn piano with the songs you love
flowkey GmbH
Free – Get on Google Play
flowkey Android app
errori al pianoforte
Porträt Doro
di Dorothea Herrmann

5 errori comuni quando si impara a suonare il pianoforte

Una delle cose più difficili da fare quando si suona il pianoforte è correggere vecchi errori. Quando ho cominciato a suonare, volevo ottenere risultati veloci, così ho saltato tutto quello che pensavo non fosse importante. Di conseguenza ho preso delle cattivi abitudini che ho dovuto correggere successivamente, non con poche difficoltà.

Cerca di non cadere nella mia stessa trappola! Qui di seguito troverai il mio elenco personale dei 5 errori al pianoforte che si commettono quando si inizia ad imparare, nella speranza che farai diversamente da quanto abbia fatto io:

Errore #1: postura sbagliata

errori al pianoforte

Quando ho cominciato a suonare non ho dato troppa importanza al modo in cui mi sedevo al pianoforte. Adesso, invece, so che la postura è uno degli elementi più importanti. Essere seduti troppo in basso o troppo in alto, troppo vicino o troppo lontano può provocare spalle indolenzite e tremendi mal di schiena.

Evita uno dei più comuni errori al pianoforte. Soffermati un attimo e stai attento a come ti siedi. Inizia con il tenere entrambi i piedi ben saldi al pavimento, paralleli l'uno all'altro. Siediti in una posizione eretta e comoda. Pensa di dover tenere in equilibrio un libro sulla testa (o una corona, scegli tu).

Successivamente lascia cadere braccia e gomiti lungo i fianchi. Posiziona gli avambracci parallelamente al pavimento. In questo modo dovresti arrivare alla tastiera senza sporgerti in avanti o senza sollevare le spalle.

Regola generale:

  • Se la pancia tocca il pianoforte quando inspiri, sei decisamente troppo vicino.
  • Se devi allungare al massimo le braccia per raggiungere la tastiera, probabilmente sei troppo lontano!
  • Se un gatto potesse sedersi comodamente sulle tue gambe mentre stai suonando, allora la distanza tra il tuo corpo e la tastiera è quasi perfetta.

Adesso la tua posizione è corretta! Ma prima di cominciare a suonare, posiziona correttamente le mani così: appoggia solo la punta delle dita sulla tastiera. Cerca di arcuare le mani curvando leggermente le dita. Immagina di tenere una pallina in mano.

Errore #2: sessioni troppo lunghe

errori al pianoforte

Quando cominciavo ad imparare un brano che mi piaceva, partivo sempre con molto entusiasmo. Cercavo di imparare il più possibile in una sola sessione. Sfortunatamente, il tutto spesso si concludeva con una profonda frustrazione e tremendi crampi alle mani.

All'inizio è sufficiente esercitarsi 10 minuti al giorno. I tuoi muscoli devono adattarsi ai nuovi movimenti e questo non è affatto facile! È meglio allenare le dita con delle "corsette" giornaliere piuttosto che con delle "maratone" una sola volta a settimana.

Migliorando sarai anche in grado di esercitarti più a lungo. Tuttavia ricorda che perfino i musicisti professionisti hanno bisogno di pause quando si esercitano. In generale, cerca di non esercitarti più di 40 minuti in una volta sola. Per gli adulti, 30 minuti al giorno sono un lasso di tempo ragionevole. Per i più giovani o per i bambini, invece, sono consigliabili 2-3 sessioni da 10-15 minuti ciascuna.

Errore #3: non stabilire un programma

In altre parole: se non prendi l'abitudine di esercitarti, non diventerai mai un bravo pianista. Spesso tendiamo ad iniziare con grandi ambizioni e ci investiamo anche molto tempo. Dopo poche settimane, le sessioni di esercizio diventano meno frequenti, fino ad arrivare al punto in cui non si tocca il pianoforte per settimane intere.

Per non perdere l'allenamento, rendi l'esercizio un elemento costante della tua quotidianità (come lavarti i denti). Dopo un paio di settimane, non vedrai l'ora di esercitarti in quel determinato momento della giornata. Ci vogliono solo 10 minuti al giorno. Il tempo di due spot pubblicitari alla TV! Perché non investire questo tempo in qualcosa di più utile?

Errore #4: utilizzare la diteggiatura sbagliata

errori al pianoforte

Un'altra cosa alla quale non prestavo molta attenzione quando ho cominciato a suonare il pianoforte era la diteggiatura. In sostanza, volevo imparare le note il più velocemente possibile, scegliendo la via più semplice. Così suonavo utilizzando la diteggiatura più facile e, secondo me, più ovvia.

Tuttavia, spesso la diteggiatura che sembra più ovvia non è sempre la più sensata. A volte, non ce ne rendiamo conto fino a quando non ci accorgiamo che la diteggiatura che abbiamo adottato rende difficile suonare il brano al tempo giusto. Inoltre, cambiarla successivamente è piuttosto difficile. Perché? Perché i nostri muscoli sono abituati a suonare le note in un modo specifico. L'unica soluzione è ricominciare tutto dall'inizio con un'altra diteggiatura e ripetere nuovamente tutte le fasi dell'esercizio. Questo può richiedere settimane e può essere altamente demotivante.

In generale: trova una diteggiatura che comporti il minor numero possibile di "salti" e di cambiamenti di posizione.

Quindi, riassumendo, quando incominci a suonare un nuovo pezzo, fermati un attimo a considerare da quale dito viene suonata quella determinata nota. Esercitandoti con i video tutorial di flowkey, presta attenzione alle dita che utilizzano i nostri pianisti. Sono dei professionisti e hanno investito del tempo cercando di adottare la diteggiatura ideale per ciascun pezzo. Se sei un po' più esperto, puoi anche scorrere velocemente il brano e annotare la tua diteggiatura personalizzata.

Errore #5: relegare la tastiera in un angolo

Probabilmente conoscerai il detto "Lontano dagli occhi, lontano dal cuore". Questo vale anche per il pianoforte. Più la tastiera sarà nascosta nella tua stanza, meno ti siederai per esercitarti. Cerca di non relegare la tastiera in angoli reconditi o addirittura dentro l'armadio.

Mettila da qualche parte dove è ben visibile. Se hai voglia, potresti trasformare lo spazio in cui ti eserciti nel fiore all'occhiello della tua stanza in modo da aver voglia di esercitarti al pianoforte ogni volta che ci passi accanto. In alternativa, cerca almeno di mettere la tastiera in una buona posizione, luminosa e comoda. A nessuno piace sedersi in un angolino buio della cantina, tra vecchi scaffali e scatoloni.

Spero che questi consigli ti aiuteranno a cominciare il tuo percorso con il pianoforte nel miglior modo possibile. Se hai voglia di leggere altri suggerimenti, controlla la nostra guida 4 consigli per suonare un brano al pianoforte o scopri perché non è mai troppo tardi per imparare a suonare il pianoforte con il nostro articolo Iniziare a suonare il pianoforte da adulti.